Voucher turismo Piemonte, si paga 1 notte su 3

panchine giganti langhe

“La regione Piemonte triplica il valore della tua vacanza”, è lo slogan che rimbalza con i pop-up aprendo tutti i siti di musei e turismo della Regione. Parte l’offensiva del Piemonte per attrarre i turisti durante l’estate: in campo 40 milioni di euro, risorse tutte regionali e in piccola parte europee. Come? Con il voucher turismo Piemonte si paga  una notte e si rimane per tre e c’è uno sconto del 50 per attività ed esperienze.

Voucher turismo Piemonte: una campagna nazionale

Punti di forza una campagna nazionale che pone al centro la ‘singolarità’ della regione e mette l’accento sulla bellezza, la libertà, il gusto e la spiritualità, ma anche il voucher che permette a chi passerà tre notti in Piemonte di pagarne una sola grazie a un programma sviluppato con i consorzi. L’obiettivo è attrarre turisti del Centro e Nord Italia, ma anche dall’Europa– I primi due voucher , che non sono acquistabili sulle piattaforme, sono stati acquistati da un turista di Varese e da uno di Genova.

 

Voucher turismo Piemonte: montagna e laghi i preferiti

“In montagna abbiamo già visto risultati, così come ai laghi. E’ importante la comunicazione, far sapere che qui si sta bene e non ci sono malati. I dati sono molto confortanti”, ha detto il vicepresidente Fabio Carosso. “Utilizziamo immagini evocative per richiamare i turisti che speriamo vengano a passare le vacanze in Piemonte: a loro offriamo percorsi spirituali, enogastronomia, arte, cultura, patrimoni dell’Unesco”, ha sottolineato l’assessore regionale alla Cultura e al Turismo Annamaria Poggio. “Abbiamo lavorato per mesi – ha spiegato Luisa Piazza, direttore generale di VisitPiemonte, – per realizzare qualcosa che ci potesse dare una visibilità di alto livello. Abbiamo effettuato un sondaggio che ha fatto emergere che un italiano su 4 è interessato al Piemonte,. Al primo posto ci sono Torino, la Val di Susa, Bardonecchia e Sestriiere, poi le Langhe, Valli del Roero, cuneese”.

 

Come funziona il Voucher turismo Piemonte

Si può usufruire della promozione entro il 31 agosto 2020 e dei soggiorni entro entro il 31 dicembre 2021. Un anno di programamzione.

Come si chiede?

Basta andare sulla paina di VisitPiemonte e c’è l’elenco dei consorzi turistici, tu scegli dove vuoi andare clicchi e ti esce l’elenco delle strutture, prenotata la prima notte le altre due sono gratis.

E lo possono chiedere tutti, piemontesi e turisti.

Ad oggi hanno aderito 400 strutture ricettive. Alcuni consorzi sono un po’ in ritardo.

Tra le tipologie più richieste ci sono gli agriturismi con piscina.

Considerato il prezzo medio di 90 euro a notte per una camera doppia, il valore dei voucher acquistati finora è di 90 mila euro , che moltiplicato per tre porta il valore dei pacchetti venduti a circa 300 mila euro.

Oltre al voucher, e’ previsto uno sconto del 50% su esperienze e servizi turistici collegati a un soggiorno in Piemonte.

Venduti 1000 voucher in una settimana

Il voucher è partito il 7 luglio e in una sola settimana dal suo avvio sono stati venduti 1.000 voucher che permettono di trascorrere tre notti in Piemonte al prezzo di una.

Tra i territori più richiesti c’è il Lago Maggiore con oltre 200 voucher venduti. Seguono le colline Unesco di Langhe e Monferrato, le montagne cuneesi, la città di Torino con le sue valli, tutti con più di 200 voucher richiesti. Hanno apprezzato l’iniziativa anche i piemontesi e turisti in arrivo da Lombardia, Liguria, Veneto e anche da Svizzera e Francia. Considerato che i voucher venduti riguardano quasi tutti camere doppie, i turisti coinvolti sono più di 2 mila.

A differenza del Bonus vacanze per famiglie nazionale con il voucher turismo piemonte, le famiglie hanno subito u nrisparmi oe le strutture prenotazioni e liquidità.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*