Cerca

Le terme di Valdieri, benessere formato famiglia

Terme Valdieri

Terme e bambini in Piemonte, si può? Si può. In Valle Gesso, ad un’ora e mezza da Torino, abbiamo trascorso una
giornata all’insegna del benessere nello stabilimento balneare delle Terme di Valdieri, le terme Reali e abbiamo soggiornato nell’hotel Royal, un luogo carico di storia con una vista mozzafiato sulle Alpi marittime.

Estate alle Terme di Valdieri

Cercavamo il fresco e lo abbiamo trovato, cercavamo un luogo dove rilassarci e un buon punto di partenza per un trekking adatto ai bambini e non potevamo fare scelta migliore (proprio da Terme di Valdieri, dove termina la valle parte il sentiero, in poco più di un’ora e senza troppo dislivello, conduce al rifugio Valasco): le Reali terme sono il luogo ideale dove trovare rifugio dalla calura estiva della pianura e trovare servizi adatti a tutta la famiglia.

Sarà perché a condurre dagli anni Settanta il complesso balneare e l’hotel è proprio per una famiglia, quella dei Bonetto che con cordialità e discrezione sa essere attenta alle esigenze di tutti, piccoli compresi, saranno le camere confortevoli dove il discreto rumore del fiume Gesso accompagna il sonno, sarà la piscina con acqua sulfurea a 34 gradi che avvolge e rilassa dopo una impegnativa settimana lavorativa, saranno i piatti semplici ma genuini del ristorante dell’albergo, non possiamo che consigliarvi quest’esperienza di puro benessere.

Unica pecca: le terme di Valdieri sono aperte soltanto per tre mesi l’anno nel periodo estivo, da giugno a settembre. In inverno il rischio valanghe non rende sicura la strada e l’amministrazione provinciale ne ordina la chiusura: un vero peccato perché
immergersi in queste acque bollenti circondati dalla neve e dal paesaggio montano sarebbe magico.

 

Un po’ di storia delle Terme Reali di Valdieri

Situate nel cuore del Parco naturale Alpi Marittime, in Valle Gesso, circondate da faggi monumentali e alberi secolari, le Terme Reali di Valdieri , situate a un’altitudine di 1.370 metri, sono il più alto stabilimento termale d’Italia.

Le prime notizie certe di questo meraviglioso complesso termale risalgono alla metà del XV secolo e sono legate proprio alla presenza dei Savoia in valle: nel 1474 si parla infatti dell’effetto prodigioso che la cura delle acque ebbe su madama Violante, ovvero Jolanda di Valois, sorella di Luigi XI di Francia e vedova del duca Amedeo IX. Quasi un secolo dopo sarà Emanuele Filiberto, il duca “Testa di Ferro”, a incaricare una commissione di medici di analizzare le acque termali di Valdieri e a scoprirne le miracolose proprietà.

Nel 1588 viene quindi fatto erigere dal Comune di Valdieri il primo stabilimento per i bagni, aperti a tutti, anche i più poveri.

Le sistemazioni erano molto spartane (il re le definì “capanne da pecorai”) e durante la seconda metà del ‘700 Carlo Emanuele III decise di far costruire un edificio in legno per ospitare il sovrano e la sua corte detto “Regio Baraccone” posto sulla riva destra del torrente Gesso. Da questo momento in poi la storia delle Terme si sussegue tra incendi, ricostruzioni, guerre, finchè i Savoia stabiliscono in questi luoghi la loro riserva di caccia e nel 1857 Re Vittorio Emanuele II fa apporre la prima pietra di quello che oggi è l’Hotel Royal, un albergo che conserva ancora la struttura originale e, con i suoi arredi, fregi, statue e targhe ci riporta, non appena varchiamo la soglia, nel suo glorioso passato (per gli amanti del cinema, sarà come essere catapultati in un film di Wes Anderson!).

Se, dunque, in passato sono state scelte dai sovrani d´Italia come luogo di villeggiatura, oggi le Terme di Valdieri sono un posto incantevole in cui tutti, tra trattamenti estetici, massaggi vari e rilassanti bagni nella piscina all’aperto possono trascorrere delle vere giornate da re. La caratteristica principale di queste terme sono le alghe solforate che, coltivate su apposite scalinate a piani inclinati su cui scorre l’acqua, sono molto utili contro le affezioni reumatologiche e dermatologiche.

Lo stabilimento termale della Val di Gesso e l’Hotel Royal

Lo stabilimento termale, completamente all’aperto, è direttamente collegato con la struttura del Hotel Royal (dove noi abbiamo soggiornato e dove è presente un’altra piscina riservata ai clienti, anch’essa con acqua termale) ma totalmente indipendente da esso, potete quindi scegliere di trascorrere una giornata o una mezza giornata alla terme e poi riprendere la via di casa o, come noi, fermarvi a riposare e a godere del fresco della montagna per poi intraprendere un trekking il giorno successivo.

Sia le Terme che l’Hotel Royal costituiscono una struttura ecosostenibile, gestita con sensibilità e rispetto nei confronti della natura, dei luoghi e delle tradizioni delle comunità locali. Un’ospitalità green che punta a ridurre la propria impronta ecologica, alla ricerca un’armonia con l’ecosistema del quale siamo parte.

Terme green

Come ci ha spiegato la signora Daniela, proprietaria dell’Hotel, “utilizziamo l’acqua termale per riscaldare l’hotel e abbiamo eliminato altra forma di riscaldamento. La centralina elettrica produce energia a sufficienza per il nostro fabbisogno e per venderne una parte a terzi. Purtroppo a causa del Covid i lavori di ristrutturazione ed efficientamento sono rallentati ma ora stanno riprendendo e speriamo di continuare con il progetto neZEH, un progetto triennale supportato e finanziato dalla Commissione Europea, volto alla ricerca e al rinnovamento in campo ambientale ed energetico da cui siamo stati scelti come caso pilota ”.

Le terme in Piemonte,  benefici (anche per i bambini)

Spesso il binomio terme/bambini viene guardato con sospetto e molte strutture appongono un divieto per i minori ma, come ci spigano i gestori dello stabilimento delle terme  di Valdieri, non esiste alcuna controindicazione nel portare i più piccoli a contatto con le acque sulfuree, anzi! Il divieto che spesso si incontra non è di natura medica, le strutture che scelgono di applicarlo lo fanno solo ed esclusivamente nella tutela della quiete per gli ospiti adulti, che ricercano nelle terme un momento di relax, benessere e silenzio.

“Noi scegliamo, invece, la famiglia. Le nostre strutture sono da sempre rivolte a grandi e piccini, perché conosciamo i benefici delle nostre acque e crediamo che l’educazione al contatto con la natura e al rispetto e alle meraviglie dell’ambiente incontaminato che ci circonda debba avvenire sin dalla più tenera età” spiega Donatella, proprietaria dello stabilimento termale. Unica accortezza: fare bagni di non più di 20 minuti (vale anche per gli adulti) e poi uscire a respirare l’aria fresca della montagna per evitare che si abbassi troppo la pressione.

L’aqua delle Terme di Valdieri

Le terme di Valdieri sono alimentate da un’acqua denominata ipertermale che risale dalla notevole profondità di circa 4.500 metri e sgorga in natura a una temperatura che è compresa fra i 50 ed i 75 gradi per poi essere raffreddata ed utilizzata nelle piscine.

Grazie allo zolfo ed alle altre sostanze minerali disciolte, queste acque termali possiedono una particolare efficacia antalgica, antisettica, antiessudativa ed eutrofica, che le rende adatte per le terapie contro affezioni dell’apparato locomotore, otorinolaringoiatriche, broncopneumologiche, della pelle e di alcune malattie dell’apparato riproduttivo femminile.

Getti d’acqua e cascatelle a cielo aperto con lo sguardo volto alle Alpi Marittime, grotte sudatorie, trattamenti di bellezza, bagni di vapore dalle proprietà tonificanti e decongestionanti, un hotel ottocentesco, tanta natura e giardini alpini dalle innumerevoli varietà botaniche, le terme di Valdieri sono una vera e propria rigenerazione sensoriale per tutta la famiglia che non potete perdervi.

  • Indirizzo: Regione Terme, 1, 12010 Valdieri CN
  • Contatti: Tel. +39.0171.261666 – info@termerealidivaldieri.it – sito internet

Author: Elena Marcon

Elena Marcon, amante del buon cibo e dal buon vino e mamma di Arturo. Organizzatrice seriale di gite e viaggi  

2 Replies to “Le terme di Valdieri, benessere formato famiglia”

  1. Giuseppe says: 23 Giugno 2022 at 13:18

    Grazie, bellissimo articolo, speriamo che presto venga risolto il problema dell’accessibilità nel periodo invernale in modo da poter alimentare l’offerta turistica e l’occupazione del “profondo nord-ovest” di una delle più belle nazioni del mondo.

    1. viaggiapiccoli says: 23 Giugno 2022 at 16:47

      Ce lo auguriamo anche noi

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*