Cerca

Sentieri sulla collina di Torino facili e adatti ai bambini

torino dall'alto

 

Anche questa domenica abbiamo deciso di proseguire nell’esplorazione dei sentieri sulla collina di Torino, percorrendo due parti di sentieri e un pezzo dell’Anello verde, costruendo un percorso ad hoc per bambini (anche piccoli ma buoni camminatori).

Stiamo allenando le gambe per raggiungere la Basilica di Superga. Ce la faremo? Per il momento abbiamo scelto un itinerario con meno dislivello ma tre ore di sali scendi tra belle ville e parti boschive.

Sentieri sulla collina di Torino, facili: sentiero 26

Il percorso ha inizio da Piazza Giovanni delle Bande Nere a Torino e segue la Strada di Mongreno, fiancheggiata da piccole vecchie case. Sulla sinistra, in fondo a Via Brighenti (a lato della scuola elementare Vittorio Amedeo II), si può notare l’ingresso di Villa Sassi, ornato di statue; in fondo al parco è visibile la villa settecentesca.

Dopo pochi minuti si svolta a sinistra (attraversando il rio) per Strada del Cartman. Di fronte, la gialla costruzione che si vede oltre il viadotto della camionale per Chieri è “Il Capriglio”, villa risalente al XVII secolo, la cui proprietà, probabilmente di Vittorio Amedeo II, fu nascosta sotto il nome di un cortigiano: Melina di Capriglio. Il nostro itinerario passa di fronte a Strada delle Traverse, antico percorso prenapoleonico per Superga, e segue Strada del Cartman, serpeggiante a lato del rio, ombrosa, tranquilla e soggetta a poco traffico. Si susseguono gruppi di case antiche, con orti e giardini assai curati.

Qui il sentiero 26 prosegue alla volta della Basilica di Superga ma il nostro itinerario prende un’altra direzione.

Deviazione lungo l’Anello verde

Sulla destra si trova infatti un pezzo dell’Anello Verde torinese, un percorso unico, circolare, realizzato quasi interamente all’interno dei confini comunali di Torino, che si snoda all’interno di parchi, aree di elevato valore naturalistico ed emergenze storico-ambientali, sentieri già tracciati da tempo e sentieri nuovi realizzati e attrezzati più di recente.

La parte che percorriamo noi comincia in strada Cartman e raggiunge il parco della Villa Ottolenghi, una dimora storica oggi ristrutturata. Questo sentiero era stato distrutto nel 2007 da una “bomba d’acqua” che trascinò a valle una grande massa di terra ed è stato ripristinato e ripulito da qualche anno, anche la cartellonistica è stata ripristinata e su di essa troviamo riportate le ville e le vigne del circondario.

Dopo circa una mezzora di cammino si arriva ad un pianoro, ideale per una pausa ristoratrice e per un picnic.

Sentieri sulla collina di Torino, facili: sentiero 12

A questo punto potete decidere se ripercorrere la strada a ritroso o concludere il giro ad anello raggiungedo il sentiero 12 che dal parco di villa Ottolenghi scende verso Reaglie e poi a Madonna del Pilone. Se scegliete questa seconda opzione, usciti dal parco dovete proseguire a sinistra affrontando una salita che vi porterà a incontrare strada del Cresto,una bella strada panoramica e soleggiata punteggiata di alberi in fiore. Anche qui le ville e le vigne storiche la fanno da padrone.

Al civico 85, sorge la seicentesca Villa Pamparato, appartenuta nei secoli ad illustri famiglie tra cui i Gianazzo di Pamparato ed i Perrone di San Martino, al civico 109 trovava posto il Righin, caratterizzato dalla presenza di una torre alta quattro piani, mentre con i rustici annessi e poco distante vi è l’antica Vigna Origo.

Di fronte troviamo un’altra villa che è stata di proprietà della famiglia Gianazzo di Pamparato, nella quale, fino a pochi decenni orsono, è vissuto il poliedrico artista Angelo Ruga (1930-1999) che ha trasmesso in molte delle sue opere, in particolare nel ciclo dei “personaggi polimaterici” degli anni Settanta, l’amore per questo territorio collinare.

Sembra quasi incredibile pensare di essere sempre a Torino città pur essendo immersi in un paesaggio completamente diverso e in un silenzio quasi irreale.

Il sentiero prosegue sino ad una biforcazione, da un lato si può prendere Corso Chieri, uno stradone che attraversa Borgata Reaglie, dall’altro si può scegliere Strada Fenestrelle, più stretta e meno trafficata, quindi più adatta ai bambini. In questa via incontriamo alcune tra le più importanti ville della collina: Villa De Col nel 1600 di proprietà della famiglia Savoia, Villa Giordano e la sua cappella denominata il Pulpito, Villa Tron con la sua deliziosa architettura, Villa dei Missionari della Salette, appartenuta al belga Waser, costruttore della funicolare di Superga e delle prime linee tranviarie torinesi. Su un poggio circondato dal grande parco è Villa d’Harcourt, poi c’è la vigna più alta della strada, il Masin, ora nominato Villa Giusti.

Il percorso si conclude al fondo di via Fenestrelle.

E ora? Gelato premio per tutti!

 

Leggi anche l’Anello Verde di Torino e il sentiero 14

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*