Cerca

Muses, viaggio sensoriale nel museo delle essenze di Savigliano

In Piemonte, Savigliano (Cn) è una meta nota alle famiglie poiché ospita un museo molto amato dai bambini, il museo  ferroviario, ma non molti sanno che questa piccola cittadine del cuneese è sede di un altro museo, un’accademia non convenzionale, un luogo magico che è un vero e proprio viaggio dei sensi, tra aromi e profumi, uno spazio sorprendente e coinvolgente proprio nel cuore della città: il Muses, il museo delle essenze.

Come nasce il Muses

Il Muses nasce nell’ambito di progettualità europee dell’Associazione Terre dei Savoia e vuole valorizzare una delle grandi risorse del nostro territorio: le piante aromatiche e officinali e le essenze che ne derivano, di cui il Piemonte produce da solo il 30% del PIL italiano (siamo secondi solo agli Stati Uniti per produzione di menta piperita!).

Un museo che ne celebra e ne svela i segreti e l’importanza è sicuramente un’idea innovativa e estremamente interessante, anche se non di facile realizzazione: si rischia di essere statici, didascalici o troppo tecnici e di fare difficoltà a tenere alta l’attenzione soprattutto dei bambini. Non è il caso del Muses, il quale, avvalendosi di supporti tecnologici, allestimenti scenografici e opere d’arte spettacolari che colpiscono il visitatore di tutte le età, dà immediatamente la sensazione di un luogo vivo e vivente.

La nostra visita con i bambini al Museo delle essenze a Savigliano

Al Muses è impossibile annoiarsi, soprattutto se, come abbiamo fatto noi, sceglierete la visita guidata. Dal giardino dei sensi passando attraverso le 13 stanze espositive multimediali, verrete condotti in un itinerario tra arte, bellezza, storia, curiosità e soprattutto polisensorialità così intenso da non accorgervi del tempo che passa.

L’Accademia delle essenze si trova all’interno del seicentesco Palazzo Taffini d’Acceglio, sotto i portici perimetrali che racchiudono il centro della cittadina ed è molto di più di un semplice museo: lo si può definire un polo museale tecno sensoriale che, partendo dalla riscoperta delle erbe aromatiche del Piemonte, propone un viaggio transnazionale attraverso i saperi dell’arte profumiera, i sapori e le essenze dei territori. Si sviluppa su due piani e ogni stanza è una vera e propria sorpresa per grandi e piccoli.

Un viaggio olfattivo nel giardino

Fabio, la nostra guida, ci ha trasportati in un viaggio olfattivo partendo dal curatissimo giardino, che colpisce lo sguardo, appena varcata la soglia d’ingresso, nel quale sono state piantate le più rappresentative erbe officinali e aromatiche e al cui centro si trova una fontana aromatica che diffonde essenze diverse.

 

Si passa poi alle sale distribuite tra il paino terreno e il piano nobile dove le installazioni d’arte contemporanea si susseguono e offrono ai visitatori esperienze sensoriali uniche e la possibilità di viaggiare attraverso il tempo e i luoghi, per scoprire la storia della profumeria, dal laboratorio dell’imperatrice bizantina Zoe Porfirogenita, alle rotte delle mude veneziane, dalla leggendaria acqua della Regina d’Ungheria, alle predilezioni di Caterina de’ Medici e del suo mastro profumiere Renato Bianco, René le Florentin, che introdusse profumi ed essenze alla corte di Francia, dall’estro di Giovanni Maria Farina, inventore dell’Acqua di Colonia, fino alle moderne tecnologie adottate dalle Maison di oggi.

Le campane per le docce di essenze

Delle tante esperienze sensoriali la più amata dai bambini è sicuramente la stanza delle campane sotto le quali è possibile fare una “doccia” di aroma al limone o alla menta o alla lavanda. A noi adulti è piaciuta molto la Sala degli Dei, nella quale oltre a bellissimi affreschi sono stati esposti 24 olfattori in vetro di Murano, contenenti le principali essenze delle diverse famiglie olfattive: si chiudono gli occhi e si assaporano il mughetto, il cuoio, il bergamotto, la rosa lasciando che i ricordi affiorino e gli aromi evochino sensazioni o memorie personali.

Il laboratorio per i bambini al Muses: fai il tuo profumo

La visita si è conclusa con un piccolo laboratorio presso l’aula sensoriale, una sala-laboratorio dotata di 18 work-desk attrezzati con superficie lavabile, mini-lavabo e computer portatile collegato in rete con quelli delle altre postazioni e del docente-relatore (qui si svolgono gli atelier del profumiere) dove per i bambini è stato possibile realizzare un proprio profumo utilizzando gli estratti di erbe e piante e imparando a mixare note agrumate, speziate e dolci.

Dal Muses siamo usciti entusiasti, inebriati e stupefatti, è stata un’esperienza davvero immersiva in un mondo di cui sapevamo poco ma che ci ha coinvolti molto. É un museo davvero adatto a tutti e per tutti, un piccolo gioiello tutto piemontese che merita di essere conosciuto e apprezzato.

Dove: Via Sant’Andrea, 53, 12038 Savigliano CN

Per informazioni e prenotazioni: 0172-37.50.25 – info@musesaccademia.it

Costi: Visita Esperienziale (durata 1 ora )

Sito Internet

 

INTERO: 12 €

RIDOTTO: 8 € (bambini dai 6 ai 12 anni / residenti Savigliano / persone con disabilità)

GRATUITO: bambini al di sotto dei 6 anni / possessori Abbonamento Musei Piemonte / giornalisti iscritti all’Ordine

 

Author: Elena Marcon

Elena Marcon, amante del buon cibo e dal buon vino e mamma di Arturo. Organizzatrice seriale di gite e viaggi  

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*