Cerca

In bici a Torino con la cargo bike e i risciò di Bici-t

famiglia cargo bike torino

Dopo alcune settimane di rinnovato entusiasmo per le gite fuori porta, questo fine settimana abbiamo deciso di tornare a fare i turisti a casa nostra. Siamo andati a spasso in bici a Torino. Abbiamo unito la passione familiare per la bicicletta con la scoperta della periferia di Torino, precisamente quartiere Barriera di Milano dove si incontrano multiculturalità, mercati e 13 opere dello street artist italiano Millo. Abbiamo scelto di parcheggiare le nostre biciclette un po’ scassate da tutti i giorni per un mezzo più comodo e di sicuro successo con i bambini: le cargo bike di Bici-t, recente società di servizi di mobilità sostenibile che possiede un parco mezzi di tutto rispetto e vi regalerà un’esperienza nuova che, vi avviso, crea dipendenza immediata.

Per affittare le bici a Torino c’è Bici-t

cargo bike famiglia

L’incontro con Elisa Gallo, presidente dell’associazione Bike Pride Fiab Torino e socia fondatrice di Bici-t insieme a Giuseppe Piras, Vittorio BiancoDiego Enrico Panzetta, è avvenuto direttamente nel quartiere prescelto e abbiamo potuto testare tutte le cargo bike a loro disposizione. Confesso che, nonostante sia una urban biker esperta, salire su una cargo è un’esperienza completamente diversa che richiede qualche giro di rodaggio  per trovare quella più adatta alla propria pedalata.

Cargo-bike, la bici a Torino per le famiglie

Dopo la mia esilarante (e imbarazzante) guida del triciclo sotto gli occhi della povera Elisa, la scelta è ricaduta sulla Babboe, versione a due ruote della classica bici da carico olandese con pedalata assistita. Babboe Bakfiets è stata fondata in Olanda nel 2006 da un gruppo di giovani genitori, con l’obiettivo di mettere sul mercato delle buone biciclette cargo per uso familiare a prezzi accessibili. Il cargo box a posizionamento basso e il design arrotondato rendono la guida della Babboe molto comoda.

Arturo stava comodamente seduto, quasi spaparanzato e c’era ancora ampio spazio per borse, zaini e un eventuale spesa al mercato.

Davide ha scelto Bicicapace, un modello prodotto in Italia, con una coda lunga (longtail per l’appunto) che ha la possibilità di inserire fino a due seggiolini in fila per caricare i più piccoli o inserire un cassone per il trasporto merci. Anche questa dotata di motore per pedalata assistita per affrontare senza difficoltà salite o carichi troppo pesanti.

Elisa ci ha accompagnati nel tour a bordo di Bici Irena, anche questa prodotta in Italia, che nasce senza pedalata assistita, ma anche per questa può essere nel caso aggiunto il motore, pensata per semplificare la vita a chi pedala ogni giorno, davvero maneggevole e leggera e dal prezzo contenuto.

Per mancanza di guidatore non ha partecipato al nostro tour Trikego, triciclo dotato di ampio cassone anteriore perfetto per il trasporto di merci, cibo e come veicolo pubblicitario, versatile e personalizzabile (in 40 colori), che esiste anche con l’allestimento per portare i bambini

Questi quattro modelli di velocipedi da trasporto sono studiati e utilizzati per le più diverse esigenze e di vita (trasporto bambini, animali domestici, spesa) e di lavoro (consegne, street food, marketing). Molte sono le soluzioni, personalizzabili sulla base delle proprie necessità: c’è chi ha costruito una piccola biblioteca itinerante, chi ha montato un frigorifero per tenere al fresco le bevande e chi ci carica fino a 4 bambini per accompagnarli a scuola.

Prova una Cargo-bike per fare il tuo giro in bici a Torino

Io vi consiglio di fare un test ride come quello che abbiamo fatto noi per trovare il mezzo più adatto e noleggiarlo per alcune ore per testarlo su strada.

I tour in bici a Torino con la Cargobike di Bici-t

Un tour dei murales di Millo, writer che ha colorato con i suoi lavori i muri dei palazzoni delle periferia torinese, ci è sembrata una bella idea per unire l’utile al dilettevole e, nonostante l’itinerario vada perfezionato per la mancanza in alcuni punti di piste ciclabili, abbiamo trascorso un bel pomeriggio con il naso all’insù alla ricerca dei giganteschi disegni in bianco e nero.

Per seguire il nostro giro potete usare questa piantina:

oiantina murale torino

Girare in cargo bike significa fare pochissimo sforzo perché la pedalata assistita accompagna dolcemente la nostra naturale e guidare un mezzo docile e stabile. Arturo non voleva scendere nemmeno quando facevamo qualche sosta e restava ben ancorato alla sua panchetta a godersi il vento tra i capelli.

Confesso che anche io ho fatto fatica a restituirla e sto seriamente pensando di acquistarne una.

In bici a Torino, i servizi di Bici-t

Ma i servizi offerti da Bici-t non finiscono qui.

Noleggio e Vendita di Cargo Bike

Anzi, il noleggio e la vendita delle cargo bike sono solo la naturale evoluzione del progetto di mobilità sostenibile con cui hanno cominciato il loro progetto un paio di anni fa.

Tre tour di Torino in bici

Bici-t propone infatti tre tour con conducente per assaporare l’atmosfera di Torino e scoprire i principali punti di interesse del centro città. I tour, accompagnati dalle audioguide in italiano, inglese e francese.

Il centro di Torino: partenza dalla Mole Antonelliana, 1 ora.

Il centro di Torino e il Parco del Valentino: partenza dalla Mole Antonelliana, 1 ora e 30 minuti.

Il centro di Torino e il quadrilatero romano: partenza da Piazza Carignano, 1 ora e 30 minuti.

I tricili a pedali di Bici-t

I tricicli a pedali di Bici-t possono trasportare due persone e un bambino piccolo, oltre il pedalatore, che conduce i mezzi a pedalata assistita per le vie del centro. I passeggeri potranno scoprire così la città in modo originale, ecologico e comodo.

I tricicli di Bici-t sono un mezzo silenzioso, non invasivo e che, a velocità ridotta, permette di godere delle bellezze della città comodamente seduti e senza sforzi. Noi ci siamo incontrati con Giuseppe, uno dei soci di Elisa, in Piazza Carignano, uno dei salotti torinesi per eccellenza, e da lì siamo partiti per il più classico dei tour del centro città. Dotati di audio guida abbiamo scoperto tante curiosità insolite sui luoghi che vediamo giornalmente camminando di fretta o schizzando in bicicletta senza soffermarci sulla bellezza di ciò che ci circonda.

Il sole non è stato dalla nostra parte ma i risciò sono dotati di copertura e per i più freddolosi è presente una copertina da mettere sulle gambe. Grazie alla sicura pedalata di Giuseppe abbiamo attraversato: Piazza Castello su cui si affacciano Palazzo Madama e Palazzo Reale, la piazza del Municipio (dove Coldiretti aveva allestito un mercato di delizie che ci hanno fruttato vari assaggi), i Giardini Reali, Corso San Maurizio per arrivare ad ammirare la vista su Po dal lungofiume, Piazza Vittorio Veneto (una delle più grandi d’Europa) per risalire infine al punto di partenza.

riscò elettrico torino
L’intero tour dura un’ora ed è completo di tutte le informazioni per un primo approccio di conoscenza di Torino. Abbiamo notato che in molti vedendoci attraversare la città su questo curioso mezzo ne sono rimasti affascinati e, quando eravamo fermi a scattare qualche fotografia, si sono avvicinati a chiedere informazioni, segno che la viabilità sostenibile attira sempre più persone.

Tutte le informazioni su Bici-t

Dopo questi giorni di full immersion nel campo delle biciclette “non convenzionali”, non possiamo che darne un parere più che positivo, ci siamo divertiti e abbiamo scoperto nuovi angoli della città sconosciuti che meritano di essere valorizzati.

Per chi volesse provare questa esperienza o testare il parco bici di Bici-T :

Author: Elena Marcon

Elena Marcon, amante del buon cibo e dal buon vino e mamma di Arturo. Organizzatrice seriale di gite e viaggi  

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*