Cerca

L’anello verde di Torino con i bambini: il sentiero 14

L'anello verde di Torino con i bambini: il sentiero 14

 

Poche città vantano, come Torino, itinerari escursionistici a meno di due chilometri dal centro; pochissime offrono, durante tali passeggiate, una varietà di testimonianze storiche e culturali paragonabile a quelle presenti in un itinerario cittadino. Le passeggiate in collina consentono suggestivi punti di vista
sulle vigne (si intende con questo termine una vasta proprietà, coltivata a vigneti, orti e boschi, con edifici padronali e rustici, appartenenti a famiglie di nobili o di ricchi commercianti cittadini), sulle cappelle private, sui muri di cinta in mattoni e ciottoli di fiume, sui gradini e il paesaggio agrario, oltre ad una grande varietà di paesaggi e bellezze naturalistiche, testimonianze storiche e culturali paragonabili a quelle presenti in un itinerario cittadino. Noi abbiamo deciso di esplorarla e di cercare tra i sentieri che compongono l’Anello verde  di Torino (90 km in totale tra anello e sentieri!), quelli più adatti ai bambini. Zaino da picnic in spalle e scarpe comode abbiamo scelto il sentiero 14: dall’antica Strada della Viassa (230 m)  al Pian del Lot (500 m)

Anello Verde di Torino, il sentiero 14: da dove iniziare

Da piazza Zara dovete raggiungere via Sabaudia da cui parte, alla prima deviazione a sinistra (tabellone illustrativo), Strada della Viassa, percorso a cavallo delle Valli Pattonera e Crava; è un percorso importante perché è rimasto uno dei pochi itinerari pedonali tra la zona pedecollinare e la parte alta della collina ed anche perché si tratta di un percorso storico, riportato con grande rilievo sulle vecchie carte della collina torinese perché dava accesso ad antiche vigne.

La nostra passeggiata con i bambini lungo i lsentiero 14 dell’Anello Verde di Torino

La strada inizia asfaltata, ma diventa presto sterrata, stretta ed incassata tra nuove ville e l’alta sponda della Villa d’Ormea, da cui sale fino ad incrociare strada Guido Volante all’altezza dell’exalbergo “Cigno Bianco”; si prosegue fino al numero civico 132 dove è la settecentesca Villa dei Colli che dopo il restauro è diventata un condominio. Da qui si continua su uno sterrato e, quando si ritorna sull’asfalto, si lascia sulla destra la strada che conduce in Val Pattonera collegandosi con l’itinerario n°12; dopo pochi metri si lascia sulla sinistra la strada che attraversa un villaggio residenziale e che permette di collegarsi con l’itinerario n°16; il nostro percorso prosegue diritto avendo a destra un bosco ed a sinistra le ultime case del complesso residenziale.

Lasciato a sinistra il bel cancello in ferro battuto attraverso il quale si può ammirare il giardino ben curato di Villa Arnaud, si ritorna a camminare sullo sterrato e si raggiunge rapidamente la strada di Val Pattonera).

Ultimno tratto del sentiero 14: il Pian del Lot

Attraversata la strada e imboccato il sentiero, si arriva al rio Pattonera superato il quale si prosegue nel bosco fino a sbucare su una casereccia (50 m a destra è l’itinerario n°12 “Sentiero Natura”) nei pressi di un tabellone illustrativo del Pian del Lot; è questo uno splendido pianoro che offre un paesaggio inusuale sia per i suoi spazi aperti contrapposti con le aree fittamente boscate della maggior parte della collina, sia per la presenza di attività agricole ormai quasi del tutto scomparse sul versante collinare di Torino.

Sono ancora presenti alcuni basamenti di cemento di alcune postazioni di artiglieria contraerea installate durante l’ultima guerra.

Sul Pian del Lot si affacciano la Villa Zappino già vigna Lot e più in alto la Villa Molinario già vigna Raby. Lasciato il pianoro si raggiunge una strada asfaltata e, all’inizio di questa si passa a fianco al Sacrario ai Caduti del Pian del Lot, monumento che commemora l’eccidio di un gruppo di giovani partigiani durante l’ultimo conflitto. Proseguendo in salita si raggiunge la strada San Vito (bus 70) e volendo il Parco della Maddalena. Noi ci siamo fermati ai piedi dell’ingresso sud del Parco a fare un picnic e costruire capanne e a goderci il primo sole caldo primaverile.

  • Info utili: Luogo di partenza: Piazza Zara Torino
  • Percorso segnalato: lunghezza Km 3,5 – dislivello 310 m
  • Tempo di percorrenza: 1h 40′
  • Bus GTT linea 67 su C.so Moncalieri; bus GTT linea 70 su Str. San Vito, bus GTT linea 73 su Strada di Val Pattonera

 

Leggi anche 5 Punti panoramici da cui ammirare Torino e trekking facili vicino Torino

 

 

 

 

Author: Elena Marcon

Elena Marcon, amante del buon cibo e dal buon vino e mamma di Arturo. Organizzatrice seriale di gite e viaggi  

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*